Amministrazione Trasparente
Blog Ufitziu Limba Sarda de PlanÓrgia e Montiferru otzidentale
Dischente
Calcolo IMU
Associazione Borghi Autentici d'Italia
Bando via SMS
PUC IN ADOZIONE
 
Manifestazioni scanesi

  • Carrasegare iscanesu
  • Sa Chida Santa
  • Sa festa 'e totta 'idda
  • Sa festa manna

Sa Chida Santa

Leggi il programma della Settimana Santa 2007

Da oggi tutte le informazioni sulle Settimane Sante di Sardegna, su programmi, località, possibilità di alloggio e ristoro verranno fornite dai seguenti recapiti:

Contact Center: 800 88 11 88
E-mail: bes@swg.it

Attivi su tutto il territorio nazionale dal LUNEDI' al VENERDI' dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 19 e il SABATO, la DOMENICA e i FESTIVI dalle 10 alle 13, fornirà informazioni in cinque lingue (inglese, tedesco, francese e spagnolo) attraverso più canali (telefono, mail, sms).
Saranno date risposte esaurienti in tempi rapidi sulla Settimana Santa di Alghero, Cagliari, Castelsardo, Cuglieri, Iglesias, Oliena, Orosei, Santulussurgiu, Scano di Montiferro.

Tela del Crocifisso - Chiesa Parrocchiale di Scano di MontiferroI riti della Settimana Santa costituiscono a Scano il momento centrale e più sentito dell’intero anno liturgico.

Essi si aprono con le celebrazioni della Domenica delle Palme per proseguire con le funzioni del Venerdì Santo e quelle della domenica di Pasqua. Particolarmente suggestive le sacre rappresentazioni: quella del Venerdì Santo che raffigura la passione e morte di Cristo, e quella della domenica di Pasqua in cui si svolge il rito de “S’Incontru”, ovvero l’incontro fra Cristo risorto e sua madre.

Tali rappresentazioni hanno origini molto antiche ma hanno mantenuto intatta tutta la loro suggestione fino al giorno d’oggi, tanto da essere ancora le più seguite dell’intero anno.

Protagoniste di esse sono le tre confraternite presenti nel paese: la Confraternita delle Anime, quella del S. Rosario e quella di S.Croce (detta anche di S.Nicolò dal nome del patrono dell’oratorio in cui essa ha sede). Quest’ultima è la più antica ed è quella preposta ai riti della Settimana Santa. Per questo motivo l’oratorio di S.Nicolò è, insieme alla parrocchia di S.Pietro, il fulcro degli avvenimenti di quei giorni.

I riti hanno inizio la domenica che precede la Pasqua: in tale giorno vengono benedette le palme preparate in precedenza dai “filadores”, uomini che con mano esperta intrecciano le palme per l’intero paese.

Al termine della benedizione, che avviene nell’oratorio suddetto, ci si reca in solenne processione fino alla chiesa parrocchiale, a ricordare l’ingresso di Gesù a Gerusalemme.

Nella sera del Giovedì Santo viene celebrata la Messa in Coena Domini, memoriale dell’istituzione dell’Eucaristia. Nel corso di essa il sacerdote ripete i gesti di Gesù che lavò i piedi ai suoi discepoli nel cenacolo. I discepoli vengono rappresentati dai priori e sottopriori delle tre confraternite.

Sa Carta - Olio su tela con le rappresentazioni della Passione, esposta presso il sepolcro nella Chiesa di San Nicol˛ di Scano di MontiferroLa paraliturgia del Venerdì si svolge in luoghi e tempi distinti: “s’Incravamentu” (la crocifissione) ha luogo nell’oratorio di S.Nicolò in forma strettamente privata; “s’Iscravamentu” (la deposizione) viene rappresentato nella chiesa parrocchiale in forma pubblica.

“S’Incravamentu” si tiene a porte chiuse a S.Nicolò nel primo pomeriggio del Giovedì Santo. Vi prendono parte solo il priore e il sottopriore della confraternita di S.Croce. Essi, accompagnati dalla prioressa e dalla sottoprioressa che reggono una candela accesa, prelevano con grande devozione l’immagine di Cristo dal sepolcro in cui è custodita e la portano nel presbiterio dell’oratorio, dove ai piedi dell’altare è stata già distesa la croce su cui l’immagine viene fissata con robusti chiodi.

Essi sostano poi, con grande raccoglimento, in preghiera ai lati della croce. L’altare è ornato con “su nènnere”, grano fatto germogliare al buio, simbolo della sepoltura del Cristo.

Il presbiterio, ad accentuare la sacralità della cerimonia, è separato dal resto dell’oratorio da una grande tela (“sa Carta”), raffigurante scene della passione.

Al termine della cerimonia le porte dell’oratorio vengono aperte, e il Cristo viene esposto all’adorazione dei confratelli e di tutti i fedeli.

La mattina del Venerdì Santo hanno luogo “Sas chilcas”, a cui prendono parte tutte le confraternite e i fedeli. Il nome in sardo fa trasparire il coinvolgimento della Madonna nella passione del Figlio (“Sas chilcas” significa infatti ‘le ricerche’, e sta ad indicare il simbolico peregrinare della Vergine alla ricerca del figlio sofferente).

L’immagine dell’Addolorata viene portata in processione, in una Via Crucis che attraversa il paese facendo tappa nei vari oratori e avendo infine la sua meta nell’oratorio di S.Nicolò, da cui viene portato fuori il Cristo crocifisso. Da qui la processione si avvia alla parrocchiale dove la croce viene innalzata a un lato del presbiterio.

Solennissima è il venerdì sera la paraliturgia de “S’Iscravamentu”. Protagonisti della deposizione sono “Sos Discipulos”, quattro personaggi vestiti di antichi costumi e rappresentanti i discepoli che deposero Gesù dalla croce e gli diedero sepoltura.

I discepoli iniziano il loro viaggio dall’oratorio di San Nicolò, che custodisce gli antichi abiti: dopo la recita di una preghiera (“s’obrigassione”), i discepoli accompagnati dalla confraternita si recano nella chiesa parrocchiale in cui si è già radunata la popolazione. Essi prendono posto, insieme alle tre confraternite, nel presbiterio ed ascoltano insieme al popolo l’omelia del predicatore. Ad un suo cenno infine si avvicinano alla croce e procedono a deporre il Cristo morto, seguendo scrupolosamente le indicazioni di un cerimoniale antico che viene man mano ricordato dal predicatore. Il corpo del Signore, dopo essere stato mostrato all’Addolorata e alla folla, viene adagiato in “sa lettèrna”, una lettiga ornata di fiori e candele.
 
Comune di Scano di Montiferro
Piazza Montrigu 'e Reos
09078 - Scano di Montiferro (OR)
tel: 0785 32000 - fax: 0785 32666 - CF 800 0439 095 3
Pannello di controllo | sito realizzato da Matteo Chessa - www.matteochessa.it